Ai nastri di partenza la 23esima edizione della Sagra dello Gnocco

2345

La pasta fatta in casa ha il suo perché, si sa. Soddisfazione e gusto aumentano quando poi si parla di gnocchi. Comprarli è davvero un peccato, dato che non impegna in termini di fatiche, né di denaro. Bastano infatti soltanto due ingredienti: acqua e farina. Per i palati più raffinati, poi, esistono diverse varianti: quelli con la farina di frumento, di riso, di semola, con le patate, il pane secco, il semolino, con la farina di mais e persino con la zucca.

I più conosciuti e apprezzati però sono senza dubbio quelli di patate. Hanno origini molto antiche, che risalgono al XVI secolo, periodo in cui ebbe inizio l’importazione delle patate dall’America. Ai sorrentini si deve l’invenzione di questa gustosa ricetta che oggi delizia il palato di mezza Italia e non solo! Beh, chi non conosce gli gnocchi alla Sorrentina? Preparati con pomodori, mozzarella filante, basilico fresco che non può mancare perché conferisce quel tocco e quel sapore in più.

Dal 3 al 6 Agosto possiamo gustare gnocchi serviti con diversi condimenti a Taurano, in provincia di Avellino. La Sagra dello Gnocco, a Taurano, è arrivata alla sua 23esima edizione ed anno dopo anno ha visto crescere il numero delle presenze, fino a superare le oltre 8.000 persone circa per la 14esima edizione del 2008. La Sagra si svolge nel piazzale antistante il convento San Giovanni del Palco.

Al centro della manifestazione c’è naturalmente lo gnocco, accompagnato da tanti deliziosi piatti della tradizione locale. Sarà allestito anche un mercato con stand di artigianato e prodotti tipici, mentre non mancherà l’animazione. In programma ci sono infatti karaoke e musica latino americana per rendere la sagra ancora più vivace.

Di seguito il menù che potrete degustare:

  • Primi: Gnocchi zucca e salsiccia, gnocchi funghi e nocciole, gnocchi al pomodoro
  • Secondi: Tagliata di manzo, stoccafisso, panino alla piastra con porchetta, provola e patatine, panino salsiccia e friarielli, misto salumi e pecorino locale
  • Sfizi: Cuoppo di polpette fritte, caciocavallo irpino impiccato, misto fritto e patatine fritte
  • Dolci: Dolci locali, crepes
  • Frutta: Tagliata di frutta di stagione
  • Bevande: Birra e vino locale con bicchiere di terracotta in omaggio

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


CONDIVIDI