Il 19 marzo, in alcuni paesi come l’Italia, la Spagna e il Portogallo si festeggia la Festa del Papà, la principale festa cattolica dedicata a san Giuseppe, padre di Gesù.

In Italia, il dolce tipico della festa del papà ha varianti regionali ma per lo più a base di creme e marmellate, con impasto simile a quelle dei bignè.

A Napoli prende il nome di Zeppola di San Giuseppe. Secondo la tradizione, infatti, dopo la fuga in Egitto, con Maria e Gesù, San Giuseppe dovette vendere frittelle per poter mantenere la famiglia in terra straniera. Sono realizzate con pasta simile ai bignè, di forma schiacciata, e possono essere fritte o al forno; al di sopra viene posta di norma crema pasticcera e marmellata di amarene.

Nel nord, invece, dolce tipico della festività è la Raviola (piccolo involucro di pasta frolla o pasta di ciambella richiuso con sopra una cucchiaiata di marmellata, crema o altro ripieno, poi cotta al forno o fritta).

Infine, in alcune regioni del centro Italia (soprattutto Toscana, Umbria e Lazio) sono diffusi dei dolcetti, sempre fritti, a base di riso cotto nel latte a cui si aggiungono a piacere vin santo, uva passa o canditi e che vengono chiamati Frittelle di San Giuseppe. Dolci a base di riso, noti come Zeppole di riso o Crispelle di riso, sono comuni anche in Sicilia.