Sono tanti gli italiani che nel 2018 hanno scelto di abbandonare la dieta vegana per tornare a mangiare carne.

Secondo i dati raccolti da Coldiretti, la media è di 2 vegani su 3. Oltre un milione di cittadini é tornato a consumare carne, latte o uova tanto che quest’anno gli italiani che hanno scelto uno stile alimentare vegan rappresentano lo 0,9% del totale rispetto al 3% dello scorso anno.

Sempre secondo i dati Coldiretti, basati su una ricerca Eurispes, sono circa 460mila gli italiani che seguono queste diete restrittive tra i quali a prevalere per oltre i 2/3 sono le donne (68%) ed i giovani, con la percentuale che sale al 2% tra quelli di età compresa tra i 18 e i 24 anni. Il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo ha quindi commentato: “Serve educazione e buon senso e soprattutto rispetto per tutti i diversi stili alimentari ai quali l’agricoltura italiana può offrire grandi opportunità di scelta grazie ai primati conquistati nella qualità e nella biodiversità proprio il rispetto dei principi della dieta mediterranea, infatti, ha garantito fino ad ora all’Italia una speranza di vita da record a livello mondiale di 82,8 anni, 85 per le donne e 80,6 per gli uomini”.

Secondo, invece, uno studio dei ricercatori della University of Washington, chi desidera essere davvero amico dell’ambiente deve consumare piccoli pesci, come le sardine e aringhe, e molluschi, come ostriche, cozze e capesante. La produzione alimentare con il minore impatto ambientale è la pesca.