Si chiama cotton cake perchè è soffice come un batuffolo di cotone, si scioglie letteralmente in bocca. Ma in realtà non ha nulla a che fare con il famoso dolce a parte il fatto di usare del formaggio spalmabile. Per la perfetta riuscita di questa ricetta dovete utilizzare uno stampo a cerniera da 20 cm di diametro. Lo stampo deve essere rivestito all’interno con la carta forno e all’esterno con carta stagnola per essere completamente isolato dall’acqua dato che la cottura sarà a bagnomaria. Dovete posizionarlo all’interno di una teglia più grande riempita con acqua calda per metà della sua altezza.

La ricetta della cotton cake

Per prima cosa accendete il forno in modalità statica a 150°.
Fate sciogliere  30 g di burro e lasciatelo raffreddare.
A parte mescolate con una frusta 60 g di latte, 180 g di formaggio spalmabile, un pizzico di sale e la scorza grattugiata di un limone.
Aggiungete poi 3 tuorli e il burro sciolto e mescolate ancora.
Setacciate 40 g di farina 00, 20 g di amido di mais e 5 g di lievito per dolci e aggiungete al resto.
A parte montate 3 albumi con 10 ml di succo di limone fino a quando avranno triplicato il loro volume e poi aggiungete lentamente 110 g di zucchero.
Unite i due composti lentamente con movimenti circolari dall’alto verso il basso e poi versate tutto nello stampo.
Cuocete per 60-70 minuti a 150° in forno statico e poi lasciate raffreddare nel forno spento e leggermente aperto.
Sformate la torta e spolverizzatela con lo zucchero a velo prima di servirla.

Versione veloce della cotton cake

Anche questa ricetta arriva dal Giappone ed è molto simile nell’aspetto alla cotton cake, anzi possiamo dire che si tratti della sua versione rapida. Solo tre ingredienti: 120 g di cioccolato bianco, 120 g di formaggio spalmabile e 3 uova.
Una volta sciolto il cioccolato si mescola con il formaggio e i tuorli e a parte si montano a neve gli albumi. Si uniscono poi delicatamente i due composti senza smontare l’albume e si versa tutto in uno stampo a cerniera imburrato o rivestito con carta forno. Anche in questo caso la cottura è a bagnomaria in forno a 170° per 15 minuti, poi a 160 per altri 15 minuti. La torta deve raffreddare nel forno spento e aperto.