C’è tempo fino al 15 febbraio, per azioni da portare a termine entro il 31 agosto 2018, per partecipare al bando di adesione alla misura investimenti del Piano nazionale di sostegno del vinocampagna 2017-2018, emanato dall’assessorato Agricoltura della Regione Campania.

A disposizione circa 1,4 milioni di euro, riservati alle micro, piccole e medie imprese che presenteranno progetti sui vini Doc e Igp. L’importo del contributo delle azioni da realizzare è pari al 50% del valore totale del progetto presentato ed approvato. Nel 2018 sono ammessi solo investimenti di durata annuale.

Tra i requisiti delle aziende proponenti ci sono quelli produttivi: produrre almeno 25mila bottiglie di vino o lavorare almeno 350 ettolitri in volume di vino o di mosto. Per le aziende che conducono beni confiscati alle mafie ai sensi della legge 109/96, le bottiglie prodotte si riducono a 10mila.
Nel caso in cui i soggetti beneficiari siano le organizzazioni interprofessionali, la produzione di bottiglie dei soci aderenti deve essere di almeno 80mila bottiglie, mentre per i Consorzi di tutela riconosciuti, almeno 100mila bottiglie.

Gli investimenti da realizzare possono essere sia di tipo aziendale che extra aziendale, fermo restando la demarcazione e la complementarietà con il Programma di sviluppo rurale della Campania 2014-2020 previste dai bandi delle misure a investimento.